La neuromotricità

“Quante più volte offriamo al bambino di muoversi, tanto più favoriamo lo sviluppo globale della sua intelligenza.”

 

Il movimento è fondamentale per la primissima infanzia (0-3 anni): attraverso esso il bambino impara a conoscere il proprio corpo, a muoversi nello spazio. Attraverso il movimento inoltre si favoriscono altre funzioni mentali non strettamente legate al corpo: intelligenza, linguaggio, affettività e coscienza. Infatti esiste un rapporto di circolarità e di reciproca influenza fra la percezione sensoriale, la mobilità, il linguaggio e la manualità. Mentre si lavora per aumentare le capacità di movimento del bambino, si stanno migliorando anche le capacità visive, tattili, manuali e linguistiche.

E’ fondamentale infatti che all’interno dell’asilo nido i bambini abbiano la possibilità di fare movimento in spazi e con strumenti appositamente destinati.

La NEUROMOTRICITA’ consiste nel proporre esercizi e movimenti in successione, programmati con gradualità, grazie ai quali i bambini fanno esperienza con tutto il corpo. Le finalità che si raggiungono attraverso questa attività sono quelle di condurre i bambini alla conoscenza del proprio corpo e dello spazio che li circonda sviluppando una certa coordinazione nei movimenti, al fine di facilitare l’organizzazione neurologica.

All’interno del nido vengono proposti alcuni esercizi per potenziare le capacità motorie dei bambini.

  • Esercizi gravitazionali con il quale viene sviluppato l’equilibrio; sono specifici per i lattanti e prevedono dunque la partecipazione attiva dell’educatrice: afferrare il bambino sotto le ascelle e far dondolare il bambino a destra. sinistra, avanti, dietro; fare l’aeroplano; far sedere il bambino su un cuscino e lentamente spostare il cuscino in direzioni diverse.
  • Strisciare : è la prima attività motoria di un bambino ed è preliminare al gattonare. Al nido viene proposto ai bambini di strisciare all’interno di due righe segnate sul pavimento.
  • Gattonare : la seconda attività spontanea del bambino. In asilo viene proposta spesso cercando di renderla divertente “Imitiamo il gatto, la tigre, il leone…” e i bambini gattonano in direzioni sparse per tutta la zona stabilita, oppure come per lo strisciare gli si chiede di gattonare all’interno di due righe segnate sul pavimento.
  • Camminare : nel bambino è un movimento naturale che risulta dalle tre tappe precedenti. Oltre a fare camminare i bambini all’interno delle solite due righe a terra, in asilo si gioca a “camminare in equilibrio”: una volta che il bambino ha preso confidenza con il camminare gli proponiamo di camminare pestando una sola riga facendo finta di essere in bilico.
  • Correre : non appena il bambino si sente sicuro sulle sue gambe prende “velocità” e inizia a correre.
  • Saltare : viene stimolata questa capacità invitando il bambino a saltare dentro dei quadrati colorati o su delle righe.
  • Rotolare : il bambino rotola attorno al proprio asse. E’ uno dei moduli motori che più piace ai bambini, che viene chiamato “rotoloni”.

 

Tutte queste attività possono ovviamente essere stimolate anche a casa, insieme a mamma e papà, ai nonni, ai fratelli queste attività sembreranno un gioco e il bambino riesce e sviluppare e aumentare le sue capacità divertendosi e ridendo con i famigliari!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...