Il bambino e il gioco

gioco2

Il bambino, quando sta bene, gioca, e la capacità di giocare è un indice molto importante del benessere psicologico di ogni bambino. Il gioco è la sua attività spontanea principale, e non è, come per l’adulto, un’evasione dal “lavoro”.

E’ un’esperienza che affonda le sue radici nella biologia, e che si colloca a metà strada tra fantasia e realtà. Il gioco è fonte di piacere e gratificazione, e si modifica spontaneamente nel tempo.

La prima attività di gioco si svolge sul corpo del bambino e sul corpo della madre: coinvolge la bocca, le mani, la vista e tutta la superficie del corpo,ed è un modo di sperimentare con piacere il proprio funzionamento fisico. Questo gioco “corporeo” continua a lungo nel tempo, anche quando altre modalità si sviluppano, e diventa il piacere del correre, saltare, fare attività sportiva, appropriarsi dello spazio.

Prende poi il via l’uso di materiali di gioco che sono al servizio delle diverse attività dell’Io, e rispondono al bisogno di conoscere e sperimentare il mondo: ecco allora il gioco di riempire/svuotare, aprire/chiudere, pasticciare, costruire, distruggere……ma anche l’infinitamente vario gioco di imparare.

Parallelamente nasce anche la capacità di gioco simbolico, attraverso il quale il bambino trasforma ciò che nella realtà ha subito passivamente, e struttura la propria identità attraverso l’imitazione, l’identificazione con l’adulto, la creatività.

Il piacere di riuscire, il piacere del proprio funzionamento, il piacere di produrre un risultato, il piacere di usare la fantasia e creare mondi possibili, sono aspetti diversi e tutti ugualmente importanti del gioco. Le educatrici all’interno del nido propongono ai bimbi attività adeguate alle curiosità e al bisogno di esperienza della fase di sviluppo: l’impulso a conoscere è molto vivo e per il bambino la conoscenza proposta nei modi e nei tempi giusti è fonte di un evidente piacere.

Altresì diventa importante rispettare gli spazi liberi di gioco spontaneo del bambino da solo o con altri bambini, limitandosi a garantire una cornice di sicurezza e di empatia e continuando a rimanere disponibile alla comunicazione in tutte le sue forme.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...